Quando si può assumere a tempo determinato?

Blog sul Lavoro - 29 novembre 2013

In un articolo precedente davo alcune informazioni di base sui contratti a tempo determinato. Specificavo come tale tipo di contratto non sia possibile sempre ma solo a determinate condizioni. Nell’intento del legislatore il contratto a tempo indeterminato rimane comunque la forma contrattuale di base.
I contratti di lavoro a tempo determinato sono stati regolati, fino al 2001, dalla Legge 230/1962 e dalla Legge 56/1987. Nel 2001 il Decreto Legislativo del 6 settembre n. 368, ha apportato ampie modifiche.

Negli anni successivi ulteriori modifiche sono state apportate dalla legge 183/2010, dalla riforma del mercato del lavoro contenuta nella n. 92/2012 e nel recente Decreto Legge 76/2013.

Primo requisito affinchè sia possibile un’assunzione a tempo determinato è la causale, ossia la motivazione dell perchè l’assunzione avviene a tempo determinato e non a tempo indeterminato. Tale motivazione deve essere esplicitata nella lettera di assunzione. La legge 92/2012 ha introdotto una deroga a questo obbligo nei casi di prime assunzioni con durata non superiore ai 12 mesi. Tale deroga vale anche per i contratti di somministrazione a tempo determinato.

Il Decreto Legge 76/2013, noto come pacchetto Lavoro, introduce un altra possibile deroga. Non sussiste l’obbligo di motivare un’assunzione a tempo determinato nei casi menzionati dai contratti collettivi, anche aziendali.

Eccezion fatta per tali deroghe introdotte nel 2012 e nel 2013, un contratto a tempo determinato può essere stipulato solo per ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo.
Come accennavo già nell’articolo precedente la legge prevede alcuni casi in cui non può essere stipulato un contratto a tempo determinato. Non si può utilizzare tale forma contrattuale per sostituire un lavoratore in sciopero.

Non si può assumere a tempo determinato un lavoratore in un’unità produttiva se essa ha effettuato negli ultimi sei mesi dei licenziamenti di massa per le stesse mansioni a cui fa riferimento il nuovo contratto.
Le unità produttive che stanno sospendendo dei rapporti di lavoro o stanno diminuendo l’orario di lavoro di alcuni lavoratori non possono assumere altri lavoratori a tempo determinato per le stesse mansioni.
Infine, non possono assumere a termine le aziende che non hanno svolto la valutazione dei rischi secondo quanto previsto dall’art. 4 del Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81.

Aggiungi un commento






Blog sul Lavoro

Offerte Di Lavoro.com - GENIUM SRL unipersonale P.I. 03416470049 - contatti e suggerimenti
sitemap - rss